Cilento - Agriturismo S. Andrea

Home Camere Appartamenti Curiosita' Il territorio Prodotti Raggiungerci Immagini Scrivici

CASTELLABATE E S. MARIA

(Percorso di circa 5 Km)

Percorrendo per 2 Km la strada provinciale, partendo da Piazza Marina di S. Maria , si arriva al bivio di Castellabate; di quì si intraprende un sentiero in salita, che attraversa le antiche vie mulattiere raggiungendo, quindi, il bellissimo borgo medievale. Arrivati a Castellabate si ammira dal Vaglio (la terrazza), l'incantevole spettacolo della veduta panoramica della Costiera Amalfitana e dell'isola di Capri. Per coglierne gli aspetti pi` suggestivi, si consiglia di percorrere questo itinerario alle prime ore del mattino oppure un'ora prima del tramonto.

Il percorso


S. MARIA - LICOSA - OGLIASTRO MARINA

(Percorso di circa 10 Km)

L'itinerario, nella parte iniziale simile all'itinerario delle Sirene: si parte, infatti, da S. Maria e si raggiunge Punta Licosa attraversando S. Marco. Si percorre un sentiero lungo la costa per circa 4 Km, ammirando la lussureggiante vegetazione composta da ulivi, carrubi e una splendida pineta; si raggiunge alla baia di Ogliastro Marina, piccolo borgo marinaro. Il visitatore ricorderà un paesaggio affascinante, ricco di suggestione, che lo accompagnerà per l'intero percorso.

Il percorso


IL BOSCO

(Percorso di circa 8 Km)

Si parte da S. Marco, percorrendo per circa 1 Km la strada nei pressi dell'Hotel Hermitage; si arriva ad un posto di ristoro, allestito dall'Ente Parco, immerso nel verde e con una bella veduta sul golfo di S. Maria. Si continua a percorrere la strada che attraversa la collina, fino ad incontrare tre sentieri che si snodano in diverse direzioni: uno prosegue fino all'Hotel Castelsandra (non pi funzionante); il secondo sentiero prosegue verso sinistra e arriva sulla cima della collina dove si gode una stupenda vista sulla costa e sul mare sottostante e, proseguendo, si giunge a Punta Licosa; il terzo sentiero porta verso l'interno del Cilento.

Il percorso


I TREZENI

(Percorso di circa 6 Km)

La partenza è prevista dal Lungomare di S. Maria (spiaggia Punta dell'Inferno); si prosegue lungo la strada che costeggia il mare fino ad arrivare all'inizio della spiaggia della Zona Lago. La si attraversa tutta, per circa 2 Km, arrivando ai piedi della collina di Tresino, dove si sale lungo un sentiero lungo circa 1 Km che permette di addentrarsi nella ricca vegetazione mediterranea (mirti sempreverdi e pini d'Aleppo). Dall'alto della collina si gode lo spettacolo del verde della vegetazione che scende a strapiombo fino a terminare nell'azzurro del mare sottostante. Alla fine del sentiero, raggiunta la cima del promontorio di Punta Tresino, si trovano resti di insediamenti, risalenti al V sec. A. C., dell'antico popolo dei Trezeni, uno tra i molti gruppi etnici fondatori della Magna Grecia nell' Italia meridionale.

Il percorso


LE SIRENE

(Percorso di circa 6Km)

Partenza dalla spiaggia del Pozzillo di S. Maria, si attraversa la spiaggia per arrivare al porto di S. Marco, costeggiando la strada statale. Giunti a S. Marco, alle spalle dell'Hotel l'Approdo, si snoda un sentiero che si chiama "Vaddunauto" (Vallone alto), lungo circa 3 Km, percorrendolo, si raggiunge Punta Licosa, trovandosi proprio di fronte all'isolotto. Ci si trova in un'oasi di pace, dove la natura rimasta incontaminata , la stessa degli antichi Greci, che su questa costa fondarono le loro Colonie. Qui, dove la flora stata sempre lussureggiante, si intrecciano sentieri fra Carrubi e Pini d'Aleppo: sono percorsi che lambiscono calette e spiagge di sassi. Si arriva alla punta estrema del promontorio, dove cresce spontanea vegetazione di macchia mediterranea, pini d'Aleppo secolari, ma anche ulivi e viti coltivati. L'Isolotto di Licosa Il nome deriva (secondo l'opera di Virgilio) da una sirena chiamata Leucosia che, nell'Odissea narra le peregrinazioni di Ulisse, alla ricerca della giusta rotta verso Itaca. L'Isola (un tempo promontorio) era abitata dalle sirene Leukotea e Leucosia, quest'ultima innamoratasi di Ulisse, si uccise, scomparendo nei fondali marini, per la delusione di non essere riuscita a trattenere il coraggioso navigatore.

Il percorso

Sopra